Dr Poli: Amnesia globale transitoria:Ipotesi vascolare venosa?

Ringrazio il Dottor Poli Otello Otello Poli per la fattiva e gratuita collaborazione alla realizzazione di questa pagina relativa alla neurologia e alle problematiche insite nel “ramo”

Il Dr Otello Poli :  è neurologo, il  medico è perferzionato anche  in “Medicina non convenzionale” e “Terapia del dolore” ed informazioni ulteriori  le trovate anche qui: http://www.otellopoli.com

se volete contattare l’autore perchè interessati ad ulteriori informazioni : otellopoli@tiscali.it otellopoli@gmail.com

Articolo a cura di Dr Poli

L’amnesia globale transitoria è una sindrome neurologica caratterizzata la temporanea, ma quasi totale, perdita della memoria a breve termine con una difficoltà ad accedere ai ricordi più remoti. Una persona affetta da amnesia non presenta ulteriori segni di compromissione cognitiva

L’amnesia globale transitoria è una sindrome neurologica caratterizzata la temporanea, ma quasi totale, perdita della memoria a breve termine con una difficoltà ad accedere ai ricordi più remoti. Una persona affetta da amnesia non presenta ulteriori segni di compromissione cognitiva.

Manifestazioni cliniche

Un paziente nel corso di un attacco di amnesia non ha quasi nessuna capacità di instaurare nuovi ricordi, ma appare mentalmente vigile e lucida, in possesso di piena conoscenza dell’identità propria e dei membri della propria famiglia, mantenendo intatte le capacità percettive ed un vasto repertorio di comportamenti complessi già appresi.

L’individuo semplicemente non riesce a ricordare tutto ciò che è accaduto al di fuori degli ultimi minuti, mentre la memoria per gli eventi temporalmente più distanti può essere in gran parte intatta. Il grado di amnesia è profondo, e, nell’intervallo durante il quale l’individuo è consapevole della sua condizione, è spesso accompagnato da ansia.

L’attacco si risolve nel corso di 24 ore.

Se l’evento dura meno di un’ora, potrebbe essere causato da una amnesia epilettica transitoria.

La causa di fondo della amnesia rimane sconosciuta

Le ipotesi principali sono:

  • un episodio epilettico (amnesia epilettica transitoria),
  • un problema di circolazione cerebrale, da o verso l’encefalo,
  • ovvero un fenomeno vasomotorio correlato alla emicrania.

Questo breve articolo non ha quale finalità quella descrittiva della suddetta sindrome, ben conosciuta da tutti i professionisti, bensì si pone come obiettivo il focalizzare l’attenzione sulla possibile causa di maggior interesse e di più recente elaborazione ovverosia quella circolatoria vascolare dell’encefalo concernente i vasi venosi e, pertanto, la fase efferente da quest’ultimo.

Ciò spiegherebbe, inoltre, il frequente reperto di negatività strumentale (neuroimaging, neurovascolare arterioso, elettroencefalografico).

Una notazione importante circa la CCSVI (ovverosia “insufficienza venosa cerebro-spinale cronica”) è come essa rappresenti di fatto la scoperta di una nuova patologia basata su una anomalia morfo-strutturale delle vene giugulari (delle vene azigos) che trae origine dagli studi effettuati dal Prof. Paolo Zamboni e la sua equipe circa la correlazione (causale? concausale? casuale?) tra questa anomalia e la Sclerosi Multipla.

Fino ad alcuni anni or sono non se ne conosceva la esistenza

Da osservare come la facile ed incruenta diagnostica a mezzo di esame ecodoppler venoso renda possibile una agevole indagine di screening su quei pazienti affetti da amnesia globale transitoria.

Questa metodica si è rivelata superiore e più affidabile rispetto alla neuroimaging mediante RM venografica.

Inoltre la metodica dopplersonografica non presenta alcun rischio in quanto non invasiva rispetto alla “venografia mediante catetere” che allo stato dell’arte viene considerato il “golden standard” diagnostico. Quest’ultima è stata studiata e messa in pratica in alcuni Paesi (tra i quali Italia e US, ecc).

Ipotesi vascolare: sistema venoso efferente dall’encefalo

Una origine vascolare viene,pertanto, suggerita da recenti ricerche circa la insufficienza valvolare venosa concernente la vena giugulare o CCSVI.

In questi pazienti la amnesia segue uno sforzo fisico che determina il verificarsi della manovra di Valsalva ( manovra che comporta l’espirazione forzata a glottide chiusa; tale manovra aumenta notevolemente la pressione intra-toracica ed intra-addominale e viene prodotta da uno sforzo fisico intenso).

Lo sforzo fisico, in altre parole, causerebbe un flusso retrogrado di sangue nelle vene giugulari, e pertanto, nella circolazione ematica encefalica.

La ipotesi che ne consegue ritiene che la amnesia sia causata ad una congestione venosa del encefalo che porterebbe ad un edema, un conseguente aumento della PIC (pressione intra-cranica) e quindi una sofferenza ipossico/anossico transitoria di regioni strettamente linkate con la funzione memoria, in particolare la regione meso-limbica-ippocampale.

A marcare i differenti meccanismi etio-patogenetici alla base dell’amnesia globale transitoria e del TIA (attacco ischemico transitorio) renderebbero conto i dati che evidenziano come coloro che subiscono una amnesia globale transitoria non hanno maggiori probabilità di avere una successiva malattia vascolare cerebrale rispetto alla popolazione generale così come invece tra coloro che annoverano in anamnesi uno p più episodi TIA.

Inoltre confrontati con una popolazione di pazienti che abbiano avuto episodi TIA i pazienti con amnesia hanno evidenziato un rischio più basso di stroke, infarto del miocardio e morte improvvisa pressochè sovrapponibile alla popolazione generale.

Continua a leggere

Pubblicato in Dr Poli, NEUROLOGIA | Commenti disabilitati su Dr Poli: Amnesia globale transitoria:Ipotesi vascolare venosa?

il fuggitivo costretto, ed imparare a dirsi addio…

Lo strazio di un Addio improvviso lascia un vuoto attonito, deprivazione senza senso e risposte inevase. Subentra disperazione e in seguito la razionalizzazione dell’ evento. Il tempo, da soli o aiutati da amici ti porteranno al compromesso dell’accettazione non facile della Liberazione.
Arrivi alla condivisa nostalgia serena di emozioni che ti porterai appresso, accettando il “Fuggitivo costretto”.
L’attimo che apprendi della Vita non Vita, segnata da destino crudele, regalata da civiltà senza scrupoli. Tu partecipe ad un film “horror” come é la pestilenza della morte bianca. Immersa nell’ incubo doloroso dell’io. Accompagnarsi insieme ad un congedo dove il “qui ed ora” sono più che mai unica risorsa ad avere una motivazione alla lotta comune in famiglia. Non pensavo di “ri-vivere” e “ri-condividere” questa agonia di vita con un affetto profondo. Prima rabbiosa, incredula, dopo riemerge il “déjà vu” del passato. Dolore assurdo, senza peso, senza forma ma primordiale, tu spaventosamente impotente. Egoisticamente “compressa”, attonita con il grande desiderio di fare “cambio” per non subire questo strazio, rendendoti consapevole che non é una scappatoia per difenderti da un nuovo Abbandono, a maggior ragione, quando ne hai appena metabolizzati altri…troppi.
E poi? Un incontro: un “magico ed inatteso” pomeriggio. Avrei voluto non esserci, come e cosa potevo dire? il sapere consolare? Aiutare? Nello stesso tempo desiderosa di recuperare attimi che si sono dimenticati, persi perché si sono create altre famiglie smistate dal fusto della Vita. Vorresti proteggere e proteggerti…sei inadeguata, piccola e tremendamente” inutile”. Scopri, dopo ore di parole uniche intime di condivisione di un dolore più forte di noi, che si può piangere insieme, emozionarsi. Si, si può fare senza usare la bilancia, con tenerezza estrema…Anche il dolore potrebbe divenire tenero se lo si percepisce con affetto immenso. Strano assurdo dolore: tenerissimo.
La grande serenità vera ma anche straziante che si riesce a percepire intimamente, facendola tua, sperando di riuscire a restituirla con la sua stessa accettata rassegnazione e realizzazione ragionata che questa è : Vita.


Continua a leggere

Pubblicato in gli abbandoni di ogni genere... | Commenti disabilitati su il fuggitivo costretto, ed imparare a dirsi addio…

Sulle Tracce dei Solari

A cura della Associazione Culturale Pentesilea, Idea Valcerrina, Municipale  Teatro e Agenzia per lo Sviluppo locale di San Salvario in Torino, con il contributo della Compagnia San Paolo, nell’ambito del programma in Itiner@:  in data odierna è stato presentato alla Stampa, il progetto Sulle Tracce dei Solari.

Sono intervenute: Elena Di Majo (Ass.Pentesilea- Torino), Alessandra Guerrini (Sopraintendenza Beni Storici del Piemonte),Gian Paolo Bardazza (Ass.Idea Valcerrina), Raffaella Rolfo (Beni Culturali della Diocesi di Casale Monferrato), Roberto Arnaudo, ed Enrico Gentina, rispettivamente Agenzia Sviluppo locale San Salvario e Municipale Teatro di Torino.

Il tutto mirato alla divulgazione culturale, storico ed ambientale del Piemonte, in un contesto di rielaborazione di eventi storici del passato, per permettere una maggiore conoscenza del proprio territorio e del vissuto storico che lo caratterizza!

siete attesi tutti!

Pubblicato in Pillole per la mente, STORIA ED ARTE | Contrassegnato , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Sulle Tracce dei Solari

news e Sclerosi Multipla

Veneto/Sanità : news

04 Aprile 2014 – 12:53

(ASCA) – Verona, 4 apr 2014 – ”Non sono uno scienziato, ma ho preso informazioni: la scoperta di uno dei principali meccanismi alla base di molte patologie autoimmuni, come la sclerosi multipla, realizzata dal team di giovanissimi ricercatori dell’Universita’ di Verona, e’ di quelle per le quali tutto il mondo e milioni di malati dovranno ringraziare la qualita’ della ricerca che si fa in Veneto”. Con queste parole il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, saluta lo straordinario esito del lavoro, durato 7 anni, da parte di un gruppo di ricerca guidato da Gabriela Constantin, docente di Patologia Generale del Dipartimento di Patologia e Diagnostica dell’Universita’ di Verona diretto dal professor Paolo Scarpa, che ha portato alla scoperta che una proteina (la Tim-1) utile per alcuni aspetti, puo’ essere causa anche di molte malattie infiammatorie autoimmuni, tra le quali la sclerosi multipla, il lupus, l’artrite reumatoide, la psoriasi, il diabete mellito. Lo studio e’ gia’ stato pubblicato negli Stati Uniti. ”Forse altri nel mondo sono piu’ bravi a fare marketing e a vendersi nel mondo dell’informazione – aggiunge il Governatore – ma questa squadra di straordinari ricercatori, tanto giovani che il primo firmatario dello studio ha 30 anni, ha dimostrato una volta di piu’ il livello scientifico e umano raggiunto dalla sinergia tra sanita’ e ricerca, che ha portato il sistema veneto ai vertici internazionali, al pari di tanti concorrenti piu’ illustri solo perche’ piu’ abili nel pubblicizzare i loro lavori”. ”Da questa scoperta della quale andiamo orgogliosi – conclude il Presidente della Regione – ritengo possa partire una battaglia planetaria contro patologie gravi e gravemente invalidanti che, una volta vinta, potra’ consentire di individuare nuovi farmaci e terapie avanzate capaci di portare giovamento alle sofferenze di tanta gente, nel Veneto, in Italia, nel Mondo, afflitta da queste patologie”. fdm/res

Pubblicato in Curiosità nel Web, Scienza - Ricerca e dintorni, Sclerosi Multipla e dintorni | Commenti disabilitati su news e Sclerosi Multipla

Sclerosi Multipla in Piemonte

Presso l’Assessorato alla Salute della Regione Piemonte, è stato presentato  il primo percorso per la diagnosi, terapia e assistenza per i pazienti affetti da Sclerosi Multipla.

Questo progetto è stato creato dal CReSM, il Centro di Riferimento Regionale per la Sclerosi Multipla sito presso la struttura ospedaliera di Orbassano San Luigi Gonzaga  in provincia di Torino.

Lo scopo è garantire una gestione ottimizzata del paziente, evitando gli sprechi e migliorando il percorso diagnostico e terapeutico assistenziale. Sono coinvolti vari specialisti in equipe utilizzando una corsia dedicata per le urgenze dei pazienti con un progetto di integrazione di competenze mediche: neurologo, oculista, neuroradiologo, fisiatra, infermiera dedicata, psicologo ecc.
Tutto questo progetto è stato spiegato da  Antonio Bertolotto, Direttore dell’Unità Operativa di Neurologia 2 – Centro di Riferimento Regionale per la Sclerosi Multipla (CReSM), A.O.U. San Luigi Gonzaga di Orbassano.

Facilitare il percorso del paziente nella gestione della malattia e delle sue urgenze. Evitare un aggravio di spese, e ridurre sia esami che numero di RMN se non al bisogno durante le ricadute della malattia o le valutazioni diagnostiche e di terapia. Dare la possibilità ai pazienti di reperire i farmaci nelle farmacie dedicate più vicine alle aree di residenza dei pazienti.

trovate informazioni maggiori qui:

Sclerosi Multipla. In Piemonte al via il primo percorso diagnostico terapeutico…

Pubblicato in NEUROLOGIA, Sclerosi Multipla e dintorni | Commenti disabilitati su Sclerosi Multipla in Piemonte

ricordi

Assenza Eterea.

Sui monti Biellesi un sole pallidissimo appare

La famosa valigia cartonata stracarica di panni e miei pezzi di vita. Silenziosamente immersa nei pensieri variegati attendo presso un vecchio cascinale l’autobus che non arriva. Mattina che sta nascendo. Fiduciosa ricerco un sorriso avvolgente dall’anemico sole.

Neve, neve a badilate. Ovunque, stancante a dir poco ossessivamente presente!

Freddo intenso pervade pungendomi fin dentro le ossa il mio giovane corpo di ragazza. Silenzio orripilante, da brivido. Circondata da candore irritante, rami che parlano di neve, passeri saltellanti chiacchieroni assaporano vecchio panino sbriciolato abbandonato, lievemente muffo.

Finestre semichiuse osservano alle spalle. Spiano ogni movimento invisibile, occhi irritanti che vorrei evitare. Assenze o presenze?

Le odo, respirano sussurrando parole inascoltate di ricordi nascosti e poco percepiti. Mi sorvegliano ingrate, togliendomi il pensiero che cerca di correre libero.

Respirano queste pareti vecchie diroccate alle spalle. Fantasmi inesistenti che comprenetano il mio cervello fantasioso. Guardinga tremo al minimo fruscio, lo scricchiolio del ghiaccio, parla sotto ai miei piedi il gelo invernale. Sono sola, inerme, con la mia fisicità vulnerabile. Basterebbe folata di vento feroce per rotolarmi fra il candido manto che pare attenda smanioso un impronta vitale. Magrissima sono, pochi soldi, nelle tasche ciondolano cantando solitudine.

Docenza appena iniziata e fatica di vivere per non pesare su affetti lontani, una famiglia numerosa richiede alle mie radici sforzi lavorativi di un padre amato che trascorrerà notti insonni per conti di cassa sempre al limite. Cerco il blu rassicurante di un mezzo brontolante che mi accolga e che non arriva. Cinque anni di presenza consolidata nella piccola Piana. Così ripercorro con la mente, anni precedenti di studio. Materie su materie, corsi e una abilitazione in ballo per un docenza definitiva in una comunità montana isolata quasi spettrale. Il maso chiuso, isola di dolore.

Paese a ridosso del monte, una miriade di frazioni, quattrocento ragazzini vocianti mi attenderanno smaniosi di vita diversa, di parole nuove e curiosità manifesta. Ogni frazione unita da un abile ragno tessitore, si erge ai miei occhi nella propria solitudine interiore interrotta dal gemito di un gatto, l’ululato di un cane appare ogni tanto lugubre. Uomini e donne guardinghe, invecchiate dal tempo, dagli incesti perpetrati che si ravvedono nei cognomi doppi, imparentamenti patologici legati, solitudine determinata da un mondo forse opportunatamente nascosto privo di voglia di conoscenza e sapere.

Freddo intenso e notti di sesso incrociate in famiglie nascoste, apprenderò in seguito.

Sei diversa, hai cultura, ti osannano: sei temuta. Sei controllata, additata, percepita come disturbatore di quiete voluta e invecchiata nel tempo.

Cammino su e giù sembrando una stilosa “battona” coperta da panni pesanti, colorati, legati a vissuti diversi dove fantasia e giovane età fanno una donna nuova e apparentemente originale,lievemente inglese!

Freddo intenso, cerco di riattivarmi dondolando una valigia stanca.

Mi percepisco in strana ed incomoda posizione: passa qualche camionista che si ferma urlando proposte indecenti. Orologio lentissimo: lancette opache appaiono congelate senza sembianze di movimento.

Il sole mi bacia timido, assaporo questo tepore corroborante, gioco con raggi luminosi nascenti che si nascondo fa rami gorgoglianti di neve. Invitano alla scoperta del giorno.

Odo lontano borbottio. Riemergo illusa dai pensieri sereni di spensierate mattanze. Mi mancano odori, voci e profumi: casa mia.

anno 1979/2000by@aldaviscontitosco

Pubblicato in I miei libri | Commenti disabilitati su ricordi

"il colloquio con le persone in lutto" di Luigi Colusso

Mi sono persa…con rinnovato sorriso.

il giornalino di Vitas Hospice Zaccheo di Casale Monferrato

http://www.vitas-onlus.it

(  @ pagina14)

“Si, mi sono persa nei meandri del mio cuore dolente, vorrei ora riprendere la via del rinnovato sorriso interiore, cercando di continuare a donarlo a me stessa per donarlo all’altro.”

Partecipare ad un incontro sulla elaborazione degli abbandoni, con Luigi Colusso, medico psicoterapeuta e formatore di gruppi AMA(auto mutuo aiuto) inizialmente mi ha creato un notevole disagio psicofisico. La presentazione di :”Il colloquio con le persone in lutto”.

Sentirmi inadeguata, il luogo sbagliato e l’attimo del “qui ed ora” interiormente imbarazzante. Non avendo mai considerato e ipotizzato l’esistere di gruppo di aiuto sulla ri-elaborazione della morte che sia sia fisica, o spirituale. Un “io” sfatto nella solitudine interiore che si fatica a condividere per pudore, mancata educazione credo atavica alla condivisione.L’impotenza sentita nell’io a sopravvivere al proprio caro: emozioni laceranti. Siano esse, né quantificabili e qualificabili.

Solitamente riteniamo il lutto, un dolore prioritario che pervade uccidendo le emozioni.

Raramente si considera l’abbandono anche come una radicale cambiamento delle abitudini alla “vita”. Mutazione che genera in base alla “nascita o epilogo” della situazione uno stress emotivo dirompente a volte distruttivo.

Conoscere Luigi Colusso è stato ricevere un “dono” interiore di aria rinnovata.

Paradossale visto che durante l’incontro l’argomento era il lutto, la rielaborazione dello stesso. L’utilità dei gruppi di autoaiuto, e la definizione del “dolore” dell’io in questo momento di abbandono che pervade il singolo individuo quando una persona cara si “libera” dalla vita. Oso, io indicare il termine “morte” come Liberazione.

Parlare di “Liberazione” e dell’abbandono di ogni genere. Una percepita e serena dolcezza e umanità empatica. Colusso, è riuscito basandosi sua una rielaborata e sofferta crescita personale a “librarsi” fino a riassumere, esprimere e portare alla luce emozioni insite in ognuno dei presenti “donando” non soluzioni, ma spiragli di ripresa di vita. Pensieri spirituali, che solo chi si autorigenera riesce a donare all’altro. Leggere tutto d’un fiato una “chiacchiera liberatoria” e riveduta in uno nuovo modo di alloggiare il pensiero in maniera postiva dentro all’anima.

Inizialmente stupita dello scorrere rapido delle parole nero su bianco, ho fagocitato una nuova e possibile soluzione di rasserenare il mio dolore interiore. La malcelata ricerca interiore di una rielaborazione degli abbandoni subiti in malattia che costantemente nel corso degli anni, hanno spesso segnato molti individui, nel nostro atavico umore di “animali pensanti e liberi ancorati alla terra, e la manifesta e dolorosa rinuncia alla sensazione epiteliale ed emotiva della “corsa rapida della degustazione alla vita”.

“…Non sappiamo trovare la via per sciogliere questo nodo,non ora, ma siamo stati capaci di sostare insieme e di sopportarlo…accettare di fronteggiarlo…” . Colpita da questa frase, mi sono convinta che si possa dare una risposta al “sintomo” del dolore riducendolo mediante il dono della ed alla com-passione condividendola serenamente con l’altro.

Colusso, è riuscito a smuovere e musssare alcuni macigni non visibili e mascherati spesso dal nostro modo di essere verso l’altro e verso la vita. Individui a se, rinchiusi, o palesemente plateali senza però essere volutamente attori: liberare lacrime nascoste o contenerle al fine non divengano vera patologia depressiva o morte spirituale.

Siamo entità con sfaccettature diverse. Tutti motivati fortemente, e con nascosta creatività di ripresa che forse non ricordiamo più di possedere.

Lacrime che io credo si possano includere nel il paradigma del dono come racconta l’autore. Donarsi all’altro nell’ascolto anche di quelle lacrime silenti, ma esaustive, un gesto empatico di ascolto e lettura dei segni, senza la nacessità di una restituzione. Creare invece una aggregazione di condivisione anche silenziosa, dove sia i dolenti che i facilitatori restano adesi uno all’altro in un contesto di di legame storicamente adiuvante. Senza limiti di crtica, giudizio e creazione di target.

“Il seme che muore generando una nuova pianta”: forse dovremmo tenere presente sempre questo concetto ed adottare i i tre criteri fondamentali del dono.

La spontaneità senza l’obbligo nello stesso tempo di restituirlo immediatamente o senza doverlo restituire affatto, il non poterlo rifiutare in quanto dono ma accettarlo perchè è luce della vita.

Da leggere!

Pubblicato in Pillole per la mente | Commenti disabilitati su "il colloquio con le persone in lutto" di Luigi Colusso

Il "vino in salute" del Monferrato: Gabriella Caprino lo racconta… il 22/09/2013

Eccovi una “chicca-curiosità”  alimentare  e dietetica inserita in ambito culturale  in occasione della Festa del Vino del Monferrato.
Casale Monferrato,  piccola cittadina a ridosso del PO, ogni anno organizza la Festa del Vino. Oggi siamo al traguardo della  52 edizione!
Presso il salone Tartara, ci sarà un incontro cultural-dietetico- sanitario relativo alla conoscenza organolettica del vino e la sua utilità in alimentazione.


responsabile del centro Dietologia Clinica dell’Ospedale Santo Spirito, illustrerà le proprietà benefiche del vino.  Consumato con moderazione, come antiossidante nella dieta, possiede molte qualità.
Consumiamo spesso il vino, e anche se ne abusa, ed i danni del troppo abuso li conosciamo tutti, ma forse nessuno di noi si è mai soffermato sul reale beneficio che questa bevanda, come dicevo prima, se è  assunta con moderazione, apporta al nostro organismo.
La dottoressa, ci  racconta che questa bevanda ha un forte potere antiossidante, in quanto nella buccia degli acini ci sono sostanze come il resveratrolo, che risulta  dalle ultime ricerche scientifiche  essere un ottimo rimedio per prevenire le mutazioni genetiche sul DNA preservandoci dai tumori, ictus e malattie vascolari. Questa sostanza la si trova soprattutto nel vino rosso.
Il vino bianco ne contiene in misura minore, ma non per questo è inadatto per la dieta! Unica accortezza che sia Vino DOC! Il vino deve essere curato con amore, preparato senza utilizzare addittivi: quali i  sali conservanti come i bisolfiti che hanno potenziali doti allergizzanti e sono tossici oltre una certa dose.
In dietologia, anche il vino viene considerata una  bevanda calorica piuttosto distruttiva, una dose di troppo oltre le consigliate apporta più calorie di un piatto di pasta al ragù!  Quindi non illudiamoci che sia così poco invedente!
Viene metabolizzato velocemente e non si accumula, ma per questo motivo crea subito aumento di peso. La combustione dell’alcol fa risparmiare le altre sostanze introdotte (proteine, zuccheri e grassi) che vengono utilizzate dal nostro organismo come materiale di riserva e si accumula nei tessuti (sotto forma di grasso!!) e quindi produce aumento di peso.
Una piccola quantità risulta vantaggiosa per il nostro organismo, due bicchieri al massimo al giorno sono la dose ideale per le donne e tre per gli uomini.  Il “di più” produce solo danni!
Il vino nella storia anche religiosa ha sempre assunto un “potere” santificante in quanto rappresenta il sangue di Cristo ci ha descritto la  Dottoressa e quindi ha un significato simbolico molto diffuso, come anche durante le feste tribali è volentieri illustrato come una catalizzatore di facile felicità ed aggregazione:  “Bacco. tabacco e Venere!”
Ma non per questo esiste il pretesto per abusarne! L’abuso crea danni epatici, neurologici e cardiotossici, con esiti anche fatali soprattutto nei giovani che ultimamente tendono a berne a dismisura. La vita si affronta con la testa e non con l’alcool!

..che dirvi? il 22 settembre alle 17.30 presso il Salone Tartara,  vi attendiamo nella nostra piccola Casale Monferrato per conoscere le nostre usanze locali e la buona cucina in salute monferrina!

FESTA DEL VINO e CASALE MONFERRATO

Festa del vino Monferrato
a Casale Monferrato (AL)
dal 13/09/2013 al 15/09/2013

Tradizionale rassegna a base di vini e prodotti tipici.Appuntamenti con mostre e concerti al Castello del Monferrato. La Festa del Vino vedrà protagoniste le Pro Loco che proporranno i menù piemontesi. Saranno presenti anche stand eno-gastronomici.


Giornale con i dettagli della manifestazione

menù offerto dalle proloco

La manifestazione continua il 21 e 22 Settembre

organizzatore: Comune di Casale Monferrato
email: manifestazioni@comune.casale-monferrato.al.it
———————–

Pubblicato in Curiosità nel Web, Scienza - Ricerca e dintorni | Contrassegnato , , , , | Commenti disabilitati su Il "vino in salute" del Monferrato: Gabriella Caprino lo racconta… il 22/09/2013

VERGOGNOSO: solo i ricchi possono curarsi per il cancro!!!!


Arrivano due “miracolosi” farmaci anticancro. Ma i due salvavita vengono venduti solo a totale carico dei malati. E i prezzi sono altissimi: circa mille euro a settimana. Dura polemica sulla decisione dell’Alfa. La Lega italiana per la lotta contro il tumore: “I farmaci oncologici devono essere gratuiti. Lo Stato deve aiutare i cittadini. Così si potranno curare solo i miliardari…”

I nuovi farmaci sono il pertuzumab (Roche) e l’afibercept (Sanofi-Aventis) e sono stati autorizzati dall’Aifa (Agenzia italiana per il farmaco). L’Aifa, come ha spiegato l’Espresso, li ha da poco ammessi in farmacia, ma a totale carico del malato. Non era mai successo per gli anticancro salvavita. Il malato di cancro dovrà quindi pagare per il farmaco Roche seimila euro per le prime due somministrazioni e poi tremila euro ogni 21 giorni; e per quello Sanofi Aventis quattro mila euro ogni tre settimane.

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin sta provando a mettere una pezza a una situazione incresciosa e che ha già scatenato polemiche. Prima tra tutte quella della Lilt, il cui presidente Francesco Schitulli ha dichiarato: “I farmaci oncologici devono essere gratuiti. Nessuno si augura di sviluppare un cancro, una malattia già destabilizzante sotto l’aspetto fisico e psicologico. Non dobbiamo aggiungere l’onere finanziario. Va trovato un modo per non farli pagare”. “Lo Stato deve aiutare i cittadini”, conclude il senologo. “Questi prodotti allungano comunque la vita e migliorano la sua qualità”.

Pubblicato in Diritti del malato e TDM | Commenti disabilitati su VERGOGNOSO: solo i ricchi possono curarsi per il cancro!!!!

autorizzato il Sativex per l'Italia

http://www.aism.it/index.aspx?idnws=105&codpage=2013_05_ricerca_sativex

Autorizzato per l’Italia il farmaco Sativex

07/05/2013

La delibera sulla Gazzetta Ufficiale n. 100. L’indicazione terapeutica è il trattamento della spasticità da moderata a grave nella SM.

Il 30 aprile 2013 – con autorizzazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 100 (supplemento n 33) – l’Agenzia Italiana del Farmaco ha autorizzato il Sativex®,  farmaco a base di cannabinodi, per il trattamento della spasticità da moderata a grave in persone con SM, che non abbiano manifestato una risposta adeguata ad altri farmaci antispastici.

Il farmaco è stato classificato dall’Agenzia Italiana del Farmaco in classe H, cioè a carico del sistema sanitario nazionale e sarà progressivamente disponibile presso le Farmacie Ospedaliere dei Centri di Sclerosi Multipla a partire dal prossimo autunno.

Il farmaco è soggetto a prescrizione medica limitativa, da rinnovare volta per volta, su prescrizione da parte del neurologo.

Pubblicato in AISM | Commenti disabilitati su autorizzato il Sativex per l'Italia